Immunità dura almeno sei mesi, lo studio pubblicato su Nature

Pinterest LinkedIn Tumblr +
s41586-021-03207-w_reference
La sindrome respiratoria acuta grave coronavirus-2 (SARS-CoV-2) ha infettato 78 milioni di individui ed è responsabile di oltre 1,7 milioni di decessi fino ad oggi. L'infezione è associata allo sviluppo di livelli variabili di anticorpi con attività neutralizzante che possono proteggere dalle infezioni nei modelli animali. I livelli di anticorpi diminuiscono con il tempo, ma la natura e la qualità delle cellule B della memoria che sarebbero chiamate a produrre anticorpi in caso di reinfezione non sono state esaminate. Qui riportiamo la risposta della memoria umorale in una coorte di 87 individui valutati a 1,3 e 6,2 mesi dopo l'infezione. Troviamo che i titoli anticorpali IgM e IgG anti-SARS-CoV-2 spike recector binding domain (RBD) diminuiscono in modo significativo con IgA meno colpite. Allo stesso tempo, l'attività neutralizzante nel plasma diminuisce di cinque volte nei test del virus dello pseudotipo. Al contrario, il numero di celle di memoria B specifiche per RBD rimane invariato. Le cellule B della memoria mostrano un turnover clonale dopo 6,2 mesi e gli anticorpi che esprimono hanno una maggiore ipermutazione somatica, maggiore potenza e resistenza alle mutazioni RBD, indicativi di una continua evoluzione della risposta umorale. L'analisi delle biopsie intestinali ottenute da individui asintomatici 4 mesi dopo l'insorgenza della malattia da coronavirus-2019 (COVID-19), utilizzando l'immunofluorescenza, o reazione a catena della polimerasi, ha rivelato la persistenza degli acidi nucleici SARS-CoV-2 e l'immunoreattività nell'intestino tenue di 7 su 14 volontari. Concludiamo che la risposta delle cellule B della memoria a SARS-CoV-2 si evolve tra 1,3 e 6,2 mesi dopo l'infezione in un modo coerente con la persistenza dell'antigene.
Condividi.